La presente edizione è adatta per browser con un supporto CSS insufficiente e destinata soprattutto alle persone ipovedenti. Tutti i contenuti sono visualizzabili anche con browser più vecchi. Per una migliore visualizzazione grafica si raccomanda tuttavia l'uso di un bro

Inizio selezione lingua

Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



Victor Chocquet. Amico e collezionista degli impressionisti Renoir, Cézanne, Monet, Manet

Dal 21 febbraio al 7 giugno 2015

L’impressionismo francese non avrebbe mai conosciuto un simile successo senza il contributo di Victor Chocquet (1821-1891), una delle rare persone a entusiasmarsi da subito per le conquiste dei suoi protagonisti. Chocquet riconosce la portata innovativa della loro pittura attraverso la sua iniziale passione per il pittore romantico Eugène Delacroix. Attorno al 1875 il collezionista fa la conoscenza di Pierre-Auguste Renoir, Claude Monet e Paul Cézanne. Sfidando le critiche più aspre s’impegna appieno affinché il lavoro dei suoi beniamini venga apprezzato dal pubblico. Ciò vale soprattutto per Cézanne, il pittore a lui più vicino, le cui opere costituiranno il nucleo essenziale della sua raccolta, integrata da squisite tele di Renoir, Monet, Edouard Manet e Gustave Courbet, oltre che da un importante gruppo di opere di Delacroix.

La mostra di Winterthur è stata la prima dedicata alla personalità e alla collezione di Victor Chocquet, ricostruita per l’occasione. La rassegna ha voluto dare un’immagine concisa di questo significativo insieme, ponendo l’accento sui lavori che maggiormente testimoniano del legame di Chocquet con gli artisti a lui più cari.
In coerenza con l’assetto della raccolta di Chocquet, la mostra ha dato maggior risalto alle opere di Cézanne e ai molti ritratti del collezionista francese, eseguiti da Cézanne e Renoir, riunendoli per la prima volta. Tra questi spicca il ritratto di Renoir della Collezione «Am Römerholz». L’eccezionale dipinto, che ha trasmesso ai posteri i tratti del collezionista, esprime simbolicamente le affinità elettive di Chocquet e Oskar Reinhart (1885-1965). Se il modesto impiegato delle dogane è uno dei primi a scoprire le opere degli impressionisti francesi, il commerciante di Winterthur sarà uno degli ultimi a entusiasmarsi per il loro linguaggio innovativo.
Il tema della mostra si prestava dunque perfettamente a celebrare il gesto collezionistico di Oskar Reinhart in occasione del cinquantenario della sua scomparsa.

Il catalogo della mostra in tedesco e francese si avvale del contributo di specialisti e costituisce la pubblicazione più esaustiva sul tema.



Fine zona contenuto

Contatto

Collezione Oskar Reinhart «Am Römerholz»
Haldenstrasse 95
8400 Winterthur
T +41 58 466 77 40
F +41 58 466 77 44
E E-Mail
http://www.roemerholz.ch
Segreteria e direzione
T +41 58 466 77 41
F +41 58 466 77 44


Dipartimento federale dell'interno DFI - Ufficio federale della cultura UFC
http://www.bundesmuseen.ch/roemerholz/00441/00664/01665/index.html?lang=it