La présente édition est conçue pour les navigateurs sans soutien CSS suffisant et s'adresse en priorité aux malvoyants. Tous les contenus peuvent également être visualisés à l'aide de navigateurs plus anciens. Pour une meilleure visualisation graphique, il est toutefois recommandé d'utiliser un navigateur plus moderne comme Mozilla 1,4 ou Internet Explorer 6.

Début sélection langue

Début secteur de contenu

Début navigateur

Fin navigateur



Projets spéciaux

Le infinite potenzialità di un alfabeto dei sentimenti


© Museo Vincenzo Vela, Foto: Mauro Zeni

Dal 2017, le sale del Museo si prestano, attraverso le loro mediatrici culturali, a un percorso profondo fra le opere conservate, che sia di sollievo ai malati di Alzheimer.

Nell'ambito di un discorso che vede il museo come uno dei luoghi privilegiati ove l'arte si pone al servizio della dimensione patologica dell'essere, in caso specifico del morbo di Alzheimer, il Museo ha avviato nel 2017 una collaborazione con Pro Senectute e diverse case per anziani del territorio. Seminari propedeutici in tema si sono svolti a Firenze, Lecco, Lugano e al Museo stesso, al fine di conoscere i diversi approcci terapeutici al problema.
In concreto, a scadenza settimanale, gruppi di dieci-quindici raggiungono la dimora veliana affiancati da accompagnatori: una breve illustrazione del programma della giornata li accoglie, seguita da una libera passeggiata, a gruppi ristretti, fatta in base ai gusti personali che inducono a sostare davanti a questa o a quella scultura o a un quadro. In un secondo momento, ci si sofferma davanti a un'opera scelta dalle mediatrici del museo e dagli animatori delle case per anziani. Attraverso domande mirate e risposte dei pazienti, trascritte da un «copista» abilitato a farlo, si inventa una storia, che, occorre dirlo, risulta sempre interessantissima. Essa non rispecchia (quasi) mai la realtà-verità storica ed effettuale dell'opera voluta dall'artista, ma ciò, se possibile, è un valore aggiunto. In seguito il mediatore e il «verbalista» riproporranno la narrazione, diventata una vera storia. Essa verrà infine letta dal mediatore o dal trascrittore, e ci ripercorreranno così i vari momenti di essa.
Così ha termine una breve ma intensa avventura dell'anima e dello spirito, della mente e della psiche. Il rimosso prende vita, le acque più o meno profonde dell'essere vengono smosse, e salgono alla superficie il passato, il presente, le emozioni. In tempi in cui si parla spesso proprio di emozioni, un simile tipo di avventura esistenziale è imprescindibile per comprendere realtà del sentire che con queste modalità devono, possono e sanno essere valorizzate, oltre che accudite e amate. Infatti è proprio da queste situazioni talvolta di disagio che l'immaginazione, la fantasia, la verbalizzazione dei sentimenti trovano nuove declinazioni e diventano paradigmi esistenziali cui abbeverarsi.


Fin secteur de contenu

Contacts

Museo Vincenzo Vela
Casella Postale 8
Largo Vela
6853 Ligornetto - Suisse
Informations
T +41 58 481 30 44/40
Service de médiation culturelle
T +41 58 481 30 42
E Courriel

Informations complémentaires



Département fédéral de l'intérieur DFI - Office fédéral de la culture OFC
http://www.bundesmuseen.ch/museo_vela/00287/00354/index.html?lang=fr