La présente édition est conçue pour les navigateurs sans soutien CSS suffisant et s'adresse en priorité aux malvoyants. Tous les contenus peuvent également être visualisés à l'aide de navigateurs plus anciens. Pour une meilleure visualisation graphique, il est toutefois recommandé d'utiliser un navigateur plus moderne comme Mozilla 1,4 ou Internet Explorer 6.

Début sélection langue

Début secteur de contenu

Début navigateur

Fin navigateur



News 2018



Article 1 - 10 de 29


Per una settimana è protagonista la danza, da qualche anno presenza costante nelle attività del Museo. Per bambine e bambini dai 5 agli 11 anni, il festival TicinoInDanza propone un laboratorio nella suggestiva cornice del parco e del Museo. Aperto anche (e soprattutto) a chi non ha mai danzato!

Il Festival Ticino Musica torna al Vela e raddoppia: due gli appuntamenti del festival musicale dell’estate al Museo. Il primo vede insieme «grandi maestri» e «giovani promesse», impegnati in un repertorio che va da Strauss a Tschaikovsky.

Il secondo appuntamento in collaborazione con Ticino Musica propone brani creati durante la masterclass in composizione, ispirati agli spazi del Museo e impreziositi da interventi della coreografa e danzatrice Alessia Della Casa.

Il Museo partecipa a La Belvedere Culturale, una pedalata popolare aperta a tutti che offre un percorso in bicicletta tra i musei del Mendrisiotto. Un modo originale per (ri)scoprire il territorio e le sue bellezze.

In collaborazione col Festival internazionale di narrazione di Arzo, fa tappa al Museo il laboratorio creativo di Elisabetta Salvatori, attrice e drammaturga. Ogni partecipante costruirà una piccola valigia trasportabile, una specie di teatro in miniatura.

Il titolo evoca un tratto essenziale della produzione dell’artista, che attinge i soggetti delle sue opere dalla mitologia classica, da Zeus e Amore, dalle Amazzoni alle figure allegoriche ai cavalieri eroici. A 40 anni dall’ultima retrospettiva, il Museo accoglie circa 120 opere, provenienti da musei e collezioni di prestigio (tra cui il Kunstmuseum di Basilea e il Kunsthaus di Zurigo), oltre che da raccolte private svizzere.

Definito da alcuni il padre della scultura moderna svizzera, Burckhardt è un artista poliedrico: pittore, scultore e critico d’arte. Nato a Lindau (ZH) e scomparso a Ligornetto, formatosi a Basilea e a Monaco con frequenti soggiorni romani, ha lasciato notevoli testimonianze nello spazio pubblico e si è cimentato, anche sul piano teorico, con il rinnovamento della scultura nel nostro Paese.

Una visita dietro le quinte, un incontro fra scultura e danza, appuntamenti musicali: una serie di appuntamenti tra diverse discipline artistiche, per declinare con originalità alcuni temi della mostra.

Per l’occasione, il Museo pubblica, in collaborazione con la casa editrice Cristoph Merian Verlag (cmv) di Basilea, un volume in edizione bilingue (italiano e tedesco), riccamente illustrato, a cura di Gianna A. Mina e Tomas Lochman, che analizza sia il rapporto con la classicità che l’interesse per il rinnovamento della scultura di inizio Novecento.

Il poliedrico Paolo Solcia propone un intrigante atelier sonoro: a partire dal parco, dagli alberi e dalle opere che abitano il Museo, i partecipanti creeranno un’insolita composizione sonora che nasce dalla natura e dal suo ascolto. Per adulti e ragazze/i dagli 8 anni.



Article 1 - 10 de 29


Fin secteur de contenu



Département fédéral de l'intérieur DFI - Office fédéral de la culture OFC
http://www.bundesmuseen.ch/museo_vela/00281/00381/02276/index.html?lang=fr