La presente edizione è adatta per browser con un supporto CSS insufficiente e destinata soprattutto alle persone ipovedenti. Tutti i contenuti sono visualizzabili anche con browser più vecchi. Per una migliore visualizzazione grafica si raccomanda tuttavia l'uso di un bro

Inizio selezione lingua

Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



Rel-azioni intorno a Carl Burckhardt

Una visita dietro le quinte, un incontro fra scultura e danza, appuntamenti musicali: una serie di appuntamenti tra diverse discipline artistiche, per declinare con originalità alcuni temi della mostra.

tempera su carta su cartone, 38,7 x 49,2 cm<br /> Collezione Werner Coninx,<br /> in deposito permanente al Museo Vincenzo Vela, Ligornetto
Carl Burckhardt (1878-1923), Studio di marina (Capo Circeo), 1903
© Werner Coninx Stiftung, Zürich
Come di consueto, il programma di «Rel-azioni» propone una serie di attività e di momenti di dialogo per pubblici di ogni tipo. Il tema della mostra in corso, in questo caso «Echi dall’antichità. Carl Burckhardt (1878-1923). Uno scultore tra Basilea, Roma e Ligornetto», offre l’occasione per creare
 percorsi tematici e ponti culturali tra diverse discipline artistiche.
In particolare, il «Danzatore» ha ispirato alcuni appuntamenti del programma. Si tratta di una delle opere più note di Carl Burckhardt. In occasione della mostra, il suo modello in gesso è stato restaurato e donato al Museo. Per raccontare le tappe (e i segreti) di questo intervento, il restauratore Pierre Jaccard incontrerà il pubblico, domenica 9 settembre, giornata in cui si celebra l’Anno Europeo del Patrimonio Culturale. Lo stesso giorno, a partire dalle 14.30, la SSAS-Società di storia dell’arte in Svizzera propone delle visite guidate dietro le quinte, alla scoperta dei depositi del Museo (iscrizione all’indirizzo:

Sempre intorno al «Danzatore» si sviluppa la performance del 30 settembre alle 11.00, in collaborazione con Laban Event. Un danzatore in carne, muscoli e ossa (Alex Landa Aguirreche) si confronta con l’opera di Burckhardt, che l’artista ideò proprio a Ligornetto usando come modello l’artista e amico Albert Müller.
La musica è la protagonista dell’evento collaterale del 7 ottobre. Il Vein Trio (formato dai gemelli Michael e Florian Arbenz, al piano e alla batteria, e dal contrabassista Thomas Lähns) condivide con Burckhardt le origini basilesi e una versatilità che qui si declina in una musica dalle sorprendenti variazioni melodiche.
Infine, la mostra «Echi dall’antichità» si chiude il 28 ottobre con un concerto della soprano Monica Trini e dell’arpista Lorenza Pollini, con un repertorio con brani di compositori che hanno operato nel Novecento. Tra questi si annoverano Benjamin Britten (1913-1976), Francis Poulenc (1899-1963), Giorgio Federico Ghedini (1892-1965) e Alberto Ginastera (1916-1983).

Ritornare a 2018

Fine zona contenuto

Contatti

Segreteria
T +41 58 481 30 40
F +41 91 647 32 41
E E-Mail

Informazioni complementari

Tipo:  PDF
15.06.2018 | 674 kb | PDF


Dipartimento federale dell'interno DFI - Ufficio federale della cultura UFC
http://www.bundesmuseen.ch/museo_vela/00281/00381/02276/02342/index.html?lang=it