La presente edizione è adatta per browser con un supporto CSS insufficiente e destinata soprattutto alle persone ipovedenti. Tutti i contenuti sono visualizzabili anche con browser più vecchi. Per una migliore visualizzazione grafica si raccomanda tuttavia l'uso di un bro

Inizio selezione lingua

Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



News 2014



Articolo 1 - 10 da 25


La riapertura al pubblico è prevista nella primavera 2015 con la mostra «Marcello» dedicata alla scultrice Adèle d'Affry (1836-1879), duchessa di Castiglione Colonna, in arte Marcello: una vita breve, al centro dell’élite artistica del tempo, da Courbet a Delacroix. La mostra presenta, per la prima volta al pubblico di lingua italiana, l’opera interessante e originale dell'artista friburghese, che visse tra corte e bohème. Scopriamola meglio...

Domenica 28 settembre, ore 16 - inaugurazione della mostra “I fratelli Vela e la committenza d’Adda ad Arcore”

I ricordi d’infanzia di un testimone d’eccezione, che fin da bambino ha sviluppato un rapporto particolare con il Museo, fino a diventare il suo „ambasciatore“.

In occasione dell’Expo 2015, nel Parco si inaugura il progetto di orto condiviso tra le Scuole dell’infanzia ed elementari di Ligornetto e il Museo Vincenzo Vela

Nel 2014, alcune opere appartenenti al Museo sono state esposte al Kunstmuseum di Olten e al Museo nazionale svizzero di Zurigo. Infine, la mostra autunnale «I fratelli Vela e la committenza d’Adda ad Arcore» ha riscosso un grande successo: 1300 visitatori in 6 settimane.

Nel corso di tutto il 2014, il sito ha raccolto testimonianze di visitatori, artisti, critici, scrittori. Un «amarcord» di affinità elettive e di ideali condivisi, come svelano lo psichiatra Graziano Martignoni, il regista Luigi Ceccarelli e lo scultore Pierino Selmoni.

Lo psichiatra Graziano Martignoni riflette sul tema dello sguardo e del volto, attraverso l’osservazione delle opere di Vincenzo Vela. Un percorso didattico che conduce a guardare introspettivamente dentro se stessi per incontrare l’altro.

La docente e ricercatrice americana Nancy J. Scott ricorda la curiosissima scoperta di Villa d’Adda, un luogo dalle atmosfere cinematografiche. Anche Dario Argento vi giro alcune scene del film “Le cinque giornate”.

Nelle sale deserte del Museo, tra il silenzio e i fantasmi, il regista Luigi Giuliano Ceccarelli (autore del film "Vincenzo Vela. Lo scultore della libertà") confessa il brivido speciale di ascoltare i pensieri dell’artista.

17 ottobre 2014 − In occasione del restauro del famoso altorilievo di Vincenzo Vela, alla stazione FFS di Airolo si terrà una cerimonia di presentazione alla presenza delle autorità.



Articolo 1 - 10 da 25


Fine zona contenuto



Dipartimento federale dell'interno DFI - Ufficio federale della cultura UFC
http://www.bundesmuseen.ch/museo_vela/00281/00381/01397/index.html?lang=it