La presente edizione è adatta per browser con un supporto CSS insufficiente e destinata soprattutto alle persone ipovedenti. Tutti i contenuti sono visualizzabili anche con browser più vecchi. Per una migliore visualizzazione grafica si raccomanda tuttavia l'uso di un bro

Inizio selezione lingua

Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



Vincenzo Vela. Lo scultore della libertà

Il film documentario su Vincenzo Vela su Internet


La RSI ricorda i 120 anni dalla morte dello scultore e manda in onda il film "Vincenzo Vela. Lo scultore della libertà", realizzato dal regista Luigi Giuliano Ceccarelli. Più di un documentario, si tratta di un vero e proprio film d'arte che non si limita ad analizzare l'opera dello scultore. Attraverso scritti e corrispondenze, si muove sulle tracce delle passioni che sono state il motore della sua biografia, umana e artistica. Il tutto in un racconto corale affidato alle varie voci della sua vita (la moglie, il fratello, i suoi amici, se stesso...) interpretate da noti attori italiani come Remo Girone, Paolo Bonacelli, Roberto Pedicini, Enzo Saturni, Stefania Dadda, e molti altri. Le riprese, effettuate nei luoghi che hanno caratterizzato l'esistenza di Vincenzo Vela, da Lugano a Como, da Torino a Bergamo, da Milano a Roma, convergono in quella che il regista definisce la "scatola nera" della sua anima, la casa-atelier, ora Museo Vincenzo Vela, a Ligornetto.

Il Museo Vincenzo Vela ha contribuito non soltanto come location, ma anche come supporto di ricerca per il documentario, prodotto dall'italiana Capital Video e acquistato da Rai Educational. In 52 minuti, il film ripercorre la vita di Vincenzo Vela, dagli anni giovanili di Brera alla sua attività di Accademico a Torino, al ritorno finale nella culla di Ligornetto. Nella ricostruzione storica e nei testi emerge il suo spirito ribelle: combattente risorgimentale, svizzero e piemontese insieme, scultore accademico ed eversivo, che combatte nel Sonderbund e poi a fianco dei garibaldini, viene recensito da Carlo Cattaneo, intrattiene rapporti con Cavour, per il quale organizza un traffico di armi, si relaziona a Vittorio Emanuele, Napoleone III...

Luigi Giuliano Ceccarelli, autore di colonne sonore per il cinema (circa ottanta, collaborazioni con Bertolucci, Chabrol, Squitieri, e altri) e di testi e format televisivi, è regista di film d'arte per Rai Educational. Tra gli altri, ha realizzato "Grand Tour" (protagonista Franco Nero, introduzione di Claudia Cardinale), "La visione dello Sceicco" su arte e cultura negli Emirati Arabi, "I caveau della cultura italiana nel Canton Ticino", "Vita privata di Leonardo Da Vinci", "Sacher, il dottore della musica","La notte di Paolina" e "I segreti dell'amor sacro e dell'amor profano". Fino a giugno scorso è stato co-autore di "Art News", magazine settimanale di Rai Tre dedicato ad arte e cultura.
In teatro ha lavorato con Lucia Poli, Lina Sastri, Paolo Bonacelli e altri. E' anche autore di testi teatrali. Dal 2009 è Direttore Artistico della Prosa del Teatro Donizetti di Bergamo e del Teatro Sociale "La Casa delle Arti".

Ritornare a 2011

Ultimo aggiornamento:18.10.2011

Fine zona contenuto

Ricerca nel Museo Vela


Informazioni complementari

Il film su Internet

Rassegna stampa

Tipo:  PDF
12.10.2011
18.10.2011 | 869 kb | PDF
Tipo:  PDF
12.10.2011
18.10.2011 | 600 kb | PDF
Tipo:  PDF
11.10.2011
18.10.2011 | 279 kb | PDF


Dipartimento federale dell'interno DFI - Ufficio federale della cultura UFC
http://www.bundesmuseen.ch/museo_vela/00281/00381/00997/01085/index.html?lang=it