Museo degli automi musicali

La presente edizione è adatta per browser con un supporto CSS insufficiente e destinata soprattutto alle persone ipovedenti. Tutti i contenuti sono visualizzabili anche con browser più vecchi. Per una migliore visualizzazione grafica si raccomanda tuttavia l'uso di un bro

Inizio selezione lingua

Inizio zona contenuto



Disegni

Riccardo Cuor di Leone seduce Lady Faulconbridge («Re Giovanni»), 1968
Atlante III, 1978
Torre di Babele V: dopo il crollo, 1976

«Sulla scrivania, accanto al mio manoscritto, c'è un cartoncino bianco da molto tempo intatto; una volta o l'altra la matita scorrerà veloce su di esso ed ecco poco dopo abbozzata, per esempio, in primo piano una città, dietro ad essa, e anche dietro l'orizzonte, due mostruosi animali che lottano fra loro, nel cielo sistemi di galassie» (Eclissi di luna, p. 27).

I disegni - eseguiti perlopiù a inchiostro di china o con la penna stilografica, spesso anche con il pennello e più raramente con la penna a sfera, il pennarello o la matita - costituiscono la chiave di volta dell'opera grafica di Dürrenmatt: sono un'occasione di grande spontaneità e offrono all'autore la possibilità di passare rapidamente dalla scrittura al disegno per concedersi un momento di distensione dopo la concentrazione necessaria per scrivere i suoi testi. Molti disegni sono il prodotto di un lungo processo lavorativo meticoloso e allo stesso tempo virtuoso. Dürrenmatt utilizzava anche la tecnica della raschiatura mediante una lametta da barba.


Fine zona contenuto



Dipartimento federale dell'interno DFI - Biblioteca nazionale svizzera BN
http://www.bundesmuseen.ch/cdn/00126/00165/00183/index.html?lang=it